Recensione “Istante” su spettakolo.it

Cari amici,

in uscita oggi a cura di Raffaello Carabini una bella recensione del mio ultimo album Istante:

“L’ingegnere Riccardo Federici come sassofonista predilige l’alto, lo strumento di Charlie “Bird” Parker, ma del mitico genio del bebop il 29enne musicista marchigiano recupera solo i sapori più interiori e malinconici, elaborandoli secondo la lezione di giganti che hanno preferito il tenore e la cantabilità dell’esposizione e del fraseggio. Citiamo necessariamente il primo Wayne Shorter (poi specialista del soprano), di cui riprende la bella Down in the depths, e grandi “narratori” come il John Coltrane modale (peraltro ottimo contraltista) oppure lo Stan Getz meno brasileiro. Riferimenti a parte, questo debutto propone una vena lirica inusuale: si muove In a sentimental mood, citando lo standard ellingtoniano che Riccardo elabora con finezza grazie anche al pianista Andrea Saffirio, altro elemento di ottime speranze. Tutto il cd — a cui contribuisce come guest in tre brani il trombettista Alessandro Presti — si ascolta così come si leggono certi preziosi romanzi brevi: accompagnati per mano dall’autore lungo sottili transizioni verso un finale che rimane sconosciuto. Hard bop modernissimo, soffice e dianoetico, potrebbe essere la perfetta colonna sonora di Amore della scrittrice norvegese Hanne Ørstavik, un romanzo da cercare.”

Clicca qui per l’articolo completo! Buona lettura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X
WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien